Segnaletica come linguaggio grafico

la segnaletica come linguaggio grafico

Se ci fermiamo un momento e ci guardiamo intorno, ci accorgeremo presto che tutto è pieno di segni. Alcuni indicano dove si trova la stazione della metropolitana più vicina e altri ci ricordano che è ancora vietato fumare. Alcuni sono semplicemente frecce, ma molti altri sono pura arte.

Segni che vediamo ogni giorno ovunque. Dalla classica “uscita” quando entriamo in un luogo ad alcune più specifiche come “Acqua non potabile” o “Uso obbligatorio di attrezzature autonome”. Questo è ciò che significa la segnaletica come linguaggio grafico. Mettiamolo in parole.

La segnaletica è la specialità del design grafico che sintetizza pensieri e istruzioni in forme a colori – o no, ma sempre piene di arte. 

Segnaletica, breve definizione

la segnaletica come linguaggio grafico

La segnaletica è un insieme di elementi visivi la cui funzione è quella di guidare, dirigere o vietare determinati comportamenti in determinate aree. Un esempio può essere il tuo posto di lavoro in cui potrai trovare cartelli del tipo “estintore” o “telecamera di sicurezza”.

Per la sua creazione, lo spazio viene analizzato, studiato e quindi vengono creati simboli grafici che devono essere di facile comprensione per tutti i tipi di persone.

È strettamente legato alla semiotica, che è lo studio del simbolo o del segno . 

  • La segnaletica è definita come lo studio e la creazione di questi elementi grafici . È l’insieme di segni che hanno diverse caratteristiche in comune come la tipografia o il colore. Prende in considerazione vari fattori come l’area geografica, la lingua o l’identità e si basa su questo. Cioè, i segnali sono in accordo con il loro ambiente.
  • La segnaletica corrisponde al suo posizionamento o utilizzo in un determinato luogo . Normalmente si svolge in spazi pubblici e di solito è approvato e standardizzato. In altre parole, gli stessi segnali vengono utilizzati ovunque. Un esempio di ciò possono essere i segnali stradali.

La segnaletica non tiene conto dell’ambiente in cui ti trovi. Deve essere approvato e standardizzato in modo che tutti sappiano a colpo d’occhio cosa indica.

Tuttavia, la segnaletica tiene conto dell’ambiente in cui deve essere applicata e deve essere adattata a ogni circostanza. È un elemento grafico molto importante, perché rafforza l’immagine dell’ambiente, l’immagine di marca del luogo.

Segnaletica nella progettazione grafica

Come nella maggior parte dei lavori di progettazione grafica, la segnaletica consiste nel sintetizzare forme di comunicazione per guidare e guidare. E questo si ottiene dando forma e colore alle istruzioni o alle parole.

Essendo un segnale, i progettisti devono pensare al potere della sua attrazione. Devono creare un design efficace e il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è contenere le informazioni nel modo più chiaro e preciso possibile.

È necessario evitare che i moduli utilizzati siano fuorvianti. Per fare ciò, devono essere correttamente definiti e illuminati. Naturalmente, il carattere tipografico utilizzato dovrebbe essere misurato con attenzione e il messaggio non dovrebbe essere eccessivamente lungo. I messaggi brevi sono più chiari, veloci e facili da leggere.

È comune che i segnali si trovino in luoghi in cui la chiarezza è essenziale, quindi la tipografia e la lunghezza del messaggio devono essere perfettamente misurate.

la segnaletica come linguaggio grafico

Ottimizzazione all’attività psicofisica

I sistemi di informazione e comunicazione cercano di integrare in modo ottimale i codici visivi all’attività psicofisica degli individui. Lo scopo di questi sistemi, in particolare il sistema di segnaletica, è quello di ridurre ogni incertezza ed evitare situazioni che inducono ansia (ad esempio, nei trasporti pubblici, ospedali, aeroporti), nonché per evitare dubbi, errori e perdite di tempo delle persone in gli spazi in cui agiscono.

I percorsi e tutte le forme di movimento necessitano, in base agli obiettivi e alle motivazioni dell’utente, un sistema di riferimento che ne consenta un orientamento autonomo, e riduca la necessità di chiedere “aiuto” ad altri soggetti. Tale sistema di riferimento nasce dalle esigenze dell’utente stesso in funzione delle sue specifiche decisioni di azione.

Ma questa procedura “à la carte” implica un lavoro di discriminazione visiva dei segnali di orientamento, che si inseriscono tra molteplici stimoli e sollecitazioni ottiche dell’ambiente stesso: è il rumore visivo del contesto in cui è inscritto il sistema di segnaletica.

Questo lavoro di discriminazione visiva comporta, allo stesso tempo, la decrittazione o decodificazione dei segni informativi inscritti sui segni.

la segnaletica come linguaggio grafico

La cultura segnaletica

Se ci fermassimo a pensare a cosa implica la segnaletica, non saremmo consapevoli del principale ostacolo che deve affrontare: la cultura . Questo linguaggio grafico non è così universale come potrebbe sembrare. Ad esempio, nella metropolitana di Bangkok, la capitale thailandese, c’è un pittogramma che serve a cedere il posto ai monaci buddisti, cosa che il turista occidentale fa fatica a capire.

Un passo avanti, in Nuova Zelanda, il cartello sulla strada che avverte di possibili incroci di animali ha come protagonista un kiwi.

Tuttavia, c’è un’area in cui i paesi hanno deciso di concordare: la tratta. Per questo ha avuto luogo la Convenzione di Vienna del 1968 sulla segnaletica stradale , attraverso la quale 69 paesi hanno firmato l’omogeneità in questo tipo di indicazioni. Perché, se c’è qualcosa di chiaro in questa parte del design grafico, è che la semplicità e la concisione devono prevalere per semplificare la nostra vita.

la segnaletica come linguaggio grafico

Conclusioni

Di cosa ha bisogno un segno per essere corretto? Prima di tutto l’efficienza. E per raggiungere questo obiettivo, i suoi creatori devono pensare alla capacità di attrazione in modo che chi lo vede possa capirlo nel giro di millesimi di secondo. La chiarezza e la precisione sono quindi le due caratteristiche fondamentali che rendono efficace un segnale.

È importante analizzare l’ambiente in cui verrà inserito. La creazione di una segnaletica potente che si fonde con lo spazio è ciò che si cerca veramente quando si crea questo tipo di linguaggio grafico. Pertanto, è anche importante tenere conto dei materiali con cui verrà creato. Particolare cura va posta nella scelta, poiché questi non devono provocare disturbi come quelli che provocano fastidiosi riflessi.

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?