Logo RIP, il libro che rende omaggio ai loghi scomparsi

LOGO RIP, il libro che rende omaggio ai loghi scomparsi

Loghi che ci hanno accompagnato per anni e che improvvisamente un bel giorno, sono spariti per sempre. O no. Presso The Stones Twins , un’agenzia con sede ad Amsterdam, hanno reso questo omaggio ai loghi classici e alle icone della cultura visiva con cui siamo cresciuti. 

LOGO RIP è una commemorazione dei loghi defunti che un tempo erano parte integrante del paesaggio, della nostra cultura visiva e delle nostre vite. Molti sono icone del loro tempo o possono essere considerati dei classici del design. Ognuna delle 50 voci viene fornita con un design completo e una storia culturale (o necrologio) per garantire che, sebbene questi loghi possano essere scomparsi, non vengano dimenticati.

Che ti piaccia o no, i loghi sono ovunque. Probabilmente ce n’è uno blasonato sull’orologio, sulla manica, sugli occhiali, sulle scarpe e sulla tazza di caffè che sta attorno a te. I loghi adornano quasi ogni oggetto nelle nostre vicinanze, urlando il loro messaggio, chiedendo a gran voce attenzione.

Il logo e il potere della differenziazione

​I loghi sono segni, piccoli identificatori grafici; cose che aiutano a differenziare un prodotto o servizio dai suoi concorrenti. Tuttavia, nel tempo, il loro significato ha trasceso la semplice differenziazione. Come le firme personali, i loghi sono dichiarazioni uniche delle loro origini. Danno via il nostro background, i nostri interessi, la nostra vanità e vulnerabilità. Si fanno beffe dei nostri stili di vita, raccontano il nostro reddito, tradiscono il nostro punto di vista sociopolitico.

E ancora sono molto di più. I loghi accumulano i nostri ricordi, passioni e reputazioni. Fatti familiari con il tempo, arriviamo a fidarci di loro e a fare loro amicizia. Nel nominare un logo, lo infondiamo di significato, aiuta a classificare e definire chi siamo. Poi un giorno ci abbandonano. Si arrugginiscono, sbiadiscono dai cartelloni pubblicitari, vengono sostituiti da nuovi aggiornamenti.

Logo RIP, l’inizio

Leggiamo ora l’esperienza diretta dalle parole dell’agenzia The Stone Twins.

…Due anni fa, quando abbiamo iniziato questo libro, la nostra ipotesi si basava su un’esperienza di prima mano. Siamo stati immersi in un progetto basato sul logo del colosso farmaceutico SmithKlineBeecham. Sebbene non avessimo creato questo marchio, il nostro compito era ideare un programma di identità aziendale per la sua applicazione.

Poi, proprio mentre raggiungevamo la fase di implementazione, è stato annunciato che l’intero progetto sarebbe stato abbandonato. Il motivo era semplice: SmithKlineBeecham aveva acconsentito a una fusione con l’arcirivale GlaxoWellcome. La nuova società doveva essere chiamata GlaxoSmithKline (GSK) e unificata sotto un nuovo logo. Naturalmente, tutti i nostri modelli erano irrilevanti. Mai più, avremmo intravisto il marchio di fabbrica di SmithKlineBeecham. Il logo non c’era più. Il logo era morto.

La presa di coscienza

Nello stesso periodo, abbiamo preso coscienza di altre storie simili. Praticamente ogni settimana, gli effetti della globalizzazione hanno dominato i titoli dei giornali. Acquisizioni, fusioni, acquisizioni, bancarotte… l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Numerose identità visive familiari hanno dovuto ridefinire o morire.

Questi cambiamenti sono stati ripresi nella nostra casella di posta. Nuovi nomi e motivi sono comparsi sulle bollette per le nostre reti mobili, compagnie assicurative e aziende energetiche. Anche il logo del postino era cambiato. Più tardi avremmo ricordato i loghi perduti della nostra giovinezza: il produttore della nostra prima console di gioco, l’involucro del nostro ghiacciolo preferito, la prima macchina dei nostri genitori.

LOGO RIP, il libro che rende omaggio ai loghi scomparsi

Una raccolta di icone perse

Logo RIP è una raccolta di icone del design perse. Icone che, pur avendo raggiunto la ‘durata stilistica’, sono state ritenute defunte, consegnate al cimitero del logo. Questa raccolta riconosce che ogni logo morto è una storia in sé, un ideogramma del suo tempo. Sono barometri culturali, espressioni di un’epoca recente ma passata. Come i suoni di un vecchio LP o un odore particolare, ci trasportano a ciò che era.

Nel libro si cerca non solo di commemorare adeguatamente la loro scomparsa, ma anche di raccontare la loro storia. La fine del libro è dedicata a una serie di ‘necrologi’; o articoli che danno un breve resoconto della vita del logo, inclusi dettagli come la natura dell’organizzazione dietro di esso e il motivo della sua interruzione.

“Diamo addio a questi loghi un tempo familiari e rendiamo omaggio sia alle idee del designer che alle aziende dietro di loro. Logo RIP”

Questo libro è una commemorazione dei loghi storici che sono scomparsi. I funerali non piacciono a nessuno, ma in Logo RIP ci sono molti marchi di valore che dovrebbero essere ricordati, non solo per la generazione di designer di oggi ma anche per la prossima.

La selezione contenuta in Logo RIP rivela l’ottimismo, l’abilità e la maestria di alcuni grandi marchi e loghi classici. Oltre alla funzionalità di questi marchi, che rappresentano servizi e commerci, questi loghi evocano risposte emotive – che vanno dal estremismo (la svastica) all’ingenuo (di Spratt).

Logo RIP è anche un riconoscimento del crescente movimento per documentare la storia culturale e del design dei marchi, in particolare delle icone dell’epoca d’oro del design dell’identità aziendale (dagli anni ’50 agli anni ’70).

LOGO RIP, il libro che rende omaggio ai loghi scomparsi

Molto più che segni grafici

Alcuni sosterranno che i loghi sono solo segni sulla carta e, intrinsecamente, effimeri, ma non è questo il punto. Come affermato nella introduzione originale, i grandi loghi sono molto più che segni grafici che rappresentano marchi, aziende o organizzazioni. I loghi accumulano anche i nostri ricordi, passioni e reputazioni.

In breve, Logo RIP è più rilevante che mai. The Stone Twins sono i becchini dello stile… Inclusi in questa hall of fame, ci sono 50 loghi pertinenti che non meritano l’oblio; ma un minuto di silenzio… e questo libro commemorativo

Riconosciuto sia come una critica alla cultura aziendale sia come una celebrazione di alcuni dei più potenti loghi mai creati, ti invitiamo ancora una volta a fermarti un momento e a riflettere sulla selezione di loghi perduti che sono, semplicemente, ben concepiti, ben fatto e conosciuto. Andato ma non dimenticato.

Dietro ogni buon logo c’è una storia nascosta di ascesa e caduta… Logo RIP, è uno studio compatto e ben illustrato

“Logo RIP non è solo un viaggio nostalgico, ma una seria messa in discussione dell’effimero della vita moderna.”

– Il Sunday Times

LOGO RIP, il libro che rende omaggio ai loghi scomparsi

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?