Immagini iconiche Covid-19

Immagini iconiche Covid-19

Le immagini iconiche di Covid-19 progettate per creare “una sensazione di allarme” (Dan Higgins).

Un illustratore medico dietro le prime immagini 3D della particella di coronavirus e come il suo team abbia marchiato una malattia invisibile che “aveva bisogno di un’identità“.

Il team del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di Atlanta, in Georgia, era consapevole che stavano creando un’identità visiva Covid-19 creando le immagini ora iconiche di una singola particella virale.

“Sulla base di precedenti focolai, sapevamo che il CDC aveva bisogno di un’identità quando presentava informazioni sulla salute pubblica di Covid-19”, ha dichiarato Dan Higgins, illustratore medico presso il CDC.

Rilasciato al pubblico il 31 gennaio – il giorno dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato un’emergenza sanitaria globale – l’illustrazione ha dato immediatamente forma tangibile a una malattia che aveva già ucciso 213 persone in Cina.

CDC voleva creare “qualcosa che dice che questo virus è reale”

Immagini iconiche Covid-19

Due giorni dopo, il primo decesso fu registrato fuori dalla Cina quando un uomo di 44 anni morì nelle Filippine.

Tuttavia, mentre il coronavirus stava facendo notizia in tutto il mondo, poche persone sapevano quale fosse il virus, che aspetto avesse o come si diffondesse. Ciò ha reso difficile per il CDC comunicare al pubblico i rischi di Covid-19.

“Invece di essere definito” invisibile “, volevamo creare un virus realistico che le persone possano immaginare quando si cammina in luoghi pubblici o si entra in stretto contatto con estranei”, ha detto Higgins. “Qualcosa che dice che questo virus è reale e deve essere preso sul serio.”

Eppure le immagini dovevano anche avere integrità scientifica, ha detto Higgins a Dezeen.

“Poiché parte della missione di CDC è fornire informazioni sulla salute pubblica per salvare vite umane, abbiamo ritenuto che fosse il più preciso possibile”, ha affermato Higgins, a cui è attribuita la creazione delle illustrazioni insieme alla collega illustratrice medica Alissa Eckert.

“Abbiamo preso la licenza artistica sul colore, ma volevamo che le strutture specifiche del virus fossero il più vicino possibile alla vita reale”.

Higgins ed Eckert hanno lavorato con gli scienziati del CDC per comprendere il virione microscopico, che misura solo 125 nanometri o 125 mila milionesimi di metro di diametro.

“Quando si creano illustrazioni, animazioni e altre infografiche che rappresentano soggetti microscopici, la sfida presenta qualcosa che non ha riferimenti visivi”, ha affermato Higgins.

Visibile solo tramite un microscopio elettronico, la particella assomiglia a una chiazza grigia circondata da una foschia sfocata di punte di proteine ​​che sono diventate la firma del virus.

virione coronavirus

Il 3D in aiuto della scienza

“Dopo aver studiato la morfologia di base della struttura, abbiamo consultato gli esperti in materia in laboratorio presso il CDC”, ha affermato Higgins, che ha modellato il virione in 3D Studio Max, utilizzando file 3D di Protein Data Bank, una libreria contenente modelli 3D di proteine e altre particelle microscopiche.

“Una volta che sapevamo quali erano tutte le strutture di cui avevamo bisogno da questo virus, siamo andati alla Protein Data Bank”, ha detto. “Lì, siamo stati in grado di scaricare le forme 3D effettive di ciascuna delle proteine ​​che compongono Covid.

“Da lì, li abbiamo ottimizzati e poi li abbiamo portati nel software 3D dove abbiamo creato tutte le nostre luci, i colori dei materiali ecc. Colori scelti per “dare il pugno giusto”.

Higgins ed Eckert hanno quindi dovuto prendere una serie di decisioni progettuali, aggiungendo forma, colore, trama e ombra che avrebbero aiutato a comunicare chiaramente il virus al pubblico. Le loro priorità erano “accuratezza e presentazione seria”.

“Abbiamo scelto varianti di colori dalla loro tavolozza che pensavamo avrebbero contribuito a dare il giusto pugno agli spettatori”.

cdc staff

Immagine sopra: Higgins (a sinistra) ha disegnato l’illustrazione come parte di una squadra al CDC tra cui Stephanie Rossow, James Archer, Meredith Newlove, Alissa Eckert e Jennifer Oosthuizen

Nell’illustrazione l’involucro lipidico sferico del virione, che protegge il suo codice genetico dell’RNA, è rappresentato da una superficie grigia con una trama “pietrosa“.

La superficie di questa sfera è costellata di tre tipi di proteine. Le proteine ​​S appuntite, che si attaccano alle cellule ospiti per consentire all’RNA del virione di entrare nell’ospite e replicarsi, sono colorate di rosso. Le proteine ​​M simili a briciole che punteggiano la membrana sferica sono di colore arancione. Le proteine ​​E piccole, o proteine ​​dell’involucro, sono gialle.

I colori sono stati scelti per impatto visivo. “Il rosso vivace delle proteine ​​S contrastato dal grigio della parete virale, aggiunge una sensazione di allarme”, ha detto Higgins. “Le proteine ​​M arancio e le proteine E ​​giallo lo rendono più colorato, ma non competono troppo con il rosso.”

“Le ombre si aggiungono al realismo

“Abbiamo scelto colori meno saturi in modo che non risultassero troppo giocosi … sapevamo che questo virus doveva essere preso sul serio”, ha continuato. “Le forti ombre delle superfici strutturate si aggiungono al realismo del virus.”

In realtà, le particelle microscopiche come i virioni non hanno colore, consistenza o ombre. Il team del CDC ha aggiunto questi elementi per rendere comprensibile l’illustrazione a persone che non hanno familiarità con la biologia su nanoscala.

Lo scopo era quello di farlo apparire “così reale che puoi quasi toccarlo“, ha detto Higgins. “Questo virus, spesso indicato come invisibile, improvvisamente ha una faccia e si anima.”

Fonte articolo: dezeen.com

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?