Il marchio per il settore alimentare

Il marchio per il settore alimentare

Non importa quanto pensi di sapere sul marchio, il marchio alimentare è un pò più complicato da definire rispetto ad altri settori. L’industria alimentare fa affidamento su impulsi naturali e sentimenti “viscerali” e le immagini del marchio possono rendere i tuoi clienti più affamati o perdere l’appetito.

Per chiunque lavori nel settore alimentare, un’ampia categoria che include produttori di alimenti confezionati, ristoranti, food blogger, servizi legati al cibo e aziende di bevande, le sfumature delle strategie di branding alimentare non sono semplici. In questo articolo, forniamo una panoramica sul marchio alimentare, spiegando ciò che è necessario sapere per fare la giusta impressione sui clienti.

Le basi di un marchio alimentare

Se la tua azienda fosse una persona, il “marchio” sarebbe il modo in cui quella persona si presenta: come si veste o porta i capelli, più come si comporta, se fa battute o aderisce formalmente a degli standard. Il branding è più di una semplice pubblicità; influenza il modo in cui i consumatori percepiscono la tua azienda e il valore che le assegnano.

Se fatto bene, il branding crea legami personali, persino emotivi con la tua base di clienti, per non parlare di separarti e differenziarti dai tuoi competitors in modo significativo. Puoi ottenere questi risultati attraverso immagini, ad esempio utilizzando i colori, le forme e la tipografia giusta e anche attraverso il modo in cui comunichi, come la tua strategia di contenuto o quali canali utilizzi. Spieghiamo queste cinque aree in dettaglio di seguito.

Branding che integra strategie e obiettivi

Le tue scelte di branding dovrebbero integrare le tue strategie e obiettivi aziendali. Ad esempio, un’azienda la cui priorità principale è l’acquisizione di clienti beneficia di strategie di branding diverse rispetto a un’azienda la cui priorità è la fidelizzazione dei clienti. Ma per complicare ulteriormente le cose, l’industria alimentare deve prendere decisioni di branding basate sia sul proprio stile di business sia su ciò che il pubblico trova appetibile.

Di seguito spieghiamo le migliori scelte stilistiche per strategie di branding alimentare di successo, ma prima di entrare in questo, parliamo di affari. Ci sono alcuni aspetti chiave della tua azienda che dovrai comprendere prima di immergerti nel processo creativo.

grafica per bevande

Le 3 domande da porsi

Dovrai rispondere ad alcune domande difficili sulla tua attività prima di poter determinare quali strategie di branding funzioneranno meglio. Queste tre domande chiave ti aiuteranno ad arrivare al cuore di ciò che è veramente la tua attività

Chi acquista il tuo prodotto?

Chi è il tuo mercato o cliente di riferimento? Quali sono i loro dati demografici? Cosa gli piace, come vogliono che gli si parli e quali sono i loro punti deboli (gli ostacoli e gli inconvenienti correlati che vogliono rimuovere dalla loro vita)? Il branding è personalizzato per i tuoi clienti target, quindi più li capisci, meglio è.

Come descriveresti il ​​tuo marchio?

Questo è più un esercizio creativo per aiutarti a individuare il tuo stile di branding. Se hai una risposta eloquente a questa domanda, ottimo! In caso contrario, non preoccuparti: prova a elencare gli aggettivi per descrivere la personalità ideale del tuo marchio finché non avrai una buona idea. Aggettivi come energico, appassionato, invitante o affidabile possono aiutarti ad affinare la voce e il carattere del tuo marchio.

Cosa ti distingue dalla concorrenza?

In altre parole, qual è la tua proposta di valore? Perché i clienti dovrebbero scegliere te invece dei tuoi rivali? Un aspetto chiave del branding è isolare le tue caratteristiche più interessanti e metterle in atto in modo che le persone pensino a te per prime quando è il momento di separarsi dai loro soldi.

Una volta che conosci le risposte a queste domande, puoi iniziare a costruire la tua strategia di branding alimentare ideale. Ma cosa comporta esattamente il marchio alimentare?

sfocatura per concentrare il proprio pubblico

I 10 elementi essenziali di un marchio alimentare di successo

I “10 elementi essenziali” di cui un’azienda alimentare ha bisogno per un branding di successo sono le manifestazioni e i risultati dei tuoi sforzi di branding, i risultati tangibili delle tue scelte stilistiche.

1. Logo – Il volto del tuo marchio e il fulcro dell’intera strategia di branding alimentare. L’elemento più importante del marchio, il logo del cibo è l’ancora di tutto ciò che rappresenta la tua azienda.

2. Sito web – l’aspetto del tuo sito web è importante, ma l’aspetto non significa nulla se non funziona. Funzionalità e facilità d’uso sono il re e la regina del design del sito web; rivelano quanto sia veramente abile la tua azienda.

3. Messaggi del marchio – cosa dice il tuo marchio? Il messaggio del tuo marchio include i suoi valori, dichiarazioni di missione, convinzioni, punti di discussione frequenti e, naturalmente, lo slogan del marchio.

4. Confezione del prodotto – Quando si tratta di branding alimentare, la scelta del packaging del prodotto è fondamentale. Il packaging ha il potere di attirare i clienti ed è una rappresentazione visiva dell’esperienza culinaria offerta dal tuo prodotto.

5. Negozi fisici – Questo è facoltativo per alcuni marchi di alimenti, ma la maggior parte delle aziende alimentari deve considerare come contrassegnare i propri negozi o luoghi. Ciò include elementi come il marchio in negozio, grembiuli personalizzati, tovaglioli, insegne, tazze, design degli interni e scelta musicale, ma anche il servizio clienti e l’esperienza in negozio che offri.

6. Social media – Un modo personale per interagire direttamente con i clienti e avviare un dialogo. Il tipo di post che pubblichi, così come i canali su cui pubblichi, possono fornire un collegamento diretto alla tua specifica nicchia di mercato.

7. Marketing tramite e-mail – le e-mail sono una delle strategie preferite dagli operatori di marketing online perché sono più intime di altri metodi di sensibilizzazione e, cosa interessante, hanno alcune delle migliori percentuali di clic. Condividendo gli stessi metodi di comunicazione di amici e familiari e parlando direttamente al lettore uno a uno, l’email marketing ti dà la possibilità di presentare il tuo marchio sotto una luce umana.

8. Pubblicità – Alcune tradizioni non muoiono mai. Gli annunci pubblicitari a pagamento, sebbene non affidabili come una volta, sono comunque abbastanza efficaci nell’aumentare la portata del messaggio del tuo marchio, accedendo a potenziali clienti che altre strade non possono eguagliare.

9. Content & influencer marketing – Post di blog, video, foto per social media, infografiche e simili. Proprio come artisti diversi hanno stili diversi, i vari tipi di contenuti che produci tessono insieme un arazzo coerente che racconta ai clienti potenziali ed esistenti chi sei veramente.

10. Merchandising – potrebbe essere un gadget tradizionale, come magliette o tazze vendute nel tuo ristorante, o qualcosa di più creativo come borse di tela, bicchieri di cartone e contenitori da asporto di marca.

I migliori stili di branding per l’industria alimentare

prodotti e scaffalatura

Quali sono i colori più appetitosi? I clienti affamati rispondono meglio ai cerchi o ai quadrati? Dove vanno tutti i buongustai online? Con un mercato così particolare come l’industria alimentare, alcune tecniche di branding funzionano meglio di altre. Ecco una ripartizione delle migliori tecniche di branding alimentare per le diverse aree del tuo raggio d’azione. Tienilo a mente quando progetti il ​​tuo logo e crei le risorse del tuo marchio.

(Ricorda che il tuo marchio deve riflettere anche la personalità della tua azienda; le strategie seguenti sono suggerimenti basati sui dati su ciò che funziona per il marchio alimentare in generale, ma non dimenticare di considerare il tuo stile unico quando finalizzi le decisioni.)

Quali colori usare per un marchio alimentare?

edizione speciale adesivi chiquita

I colori caldi, rosso, arancione e giallo, funzionano meglio per un marchio alimentare. Di questi, il rosso è il migliore per provocare la fame (forse per l’abbondanza di cibi rossi in natura). E poiché i colori caldi si abbinano bene tra loro, si vedono molti marchi di cibo rosso-giallo o rosso-arancio.

Vediamo queste combinazioni di colori caldi in quasi tutte le nostre catene di fast food preferite. Il verde d’altra parte è popolare tra i marchi di alimenti naturali e biologici.

In base alla teoria dei colori, si consiglia di evitare il blu nel marchio alimentare. A parte i mirtilli, è raro trovare cibo blu commestibile in natura, quindi di conseguenza il blu ha il minimo effetto sull’appetito. Ma per il marchio in generale, il blu è senza dubbio il colore più popolare, presumibilmente perché è collegato alla fiducia e alla comunità. Per questo motivo, vedi ancora il blu come un colore accento frequente nel marchio alimentare, come con Burger King, Sonic e Popeyes.

Le migliori forma, alcuni suggerimenti

Nel branding, le forme sono piuttosto influenti nel modo in cui viene accolta la personalità di un marchio. I marchi con loghi circolari, ad esempio, sono visti come più invitanti e casual, mentre le forme rettangolari rigide sono viste come più affidabili o efficaci. Ciò significa che la forma dovrebbe riguardare l’identità del tuo marchio anziché il tuo settore.

Detto questo, la maggior parte dei marchi di alimenti beneficia di personalità di marca amichevoli e i loghi con cerchi o curve risultano più accessibili. Non si tratta solo di una cornice circolare attorno al logo, ma anche di linee sinuose all’interno del logo stesso.

I loghi rettangolari, triangolari e ad angolo acuto hanno un aspetto più formale e funzionano meglio in settori come quello legale o finanziario, sebbene alcuni ristoranti di fascia alta o aziende vinicole potrebbero anche trarre vantaggio da tale formalità.

Tipografia e font per un marchio alimentare

grafica e contenitore olio di oliva

Non esiste un’unica “migliore tipografia” per l’industria alimentare. Le dimensioni, il peso e il colore del tuo testo, per non parlare del carattere, hanno tutti le loro connotazioni uniche per la personalità del tuo marchio, quindi i migliori per te dipendono dal tipo di marchio che desideri essere.

Tuttavia, ci sono alcune tendenze comuni nell’industria alimentare. Ad esempio, se stai cercando uno stile da taverna vecchio stile, come O’Leary’s Ale House, un carattere retrò può trasmetterlo agli spettatori all’istante.

Come le forme, puoi sempre fondere insieme due stili opposti per creare qualcosa che ti distingue. Tieni presente che le curve sono “amichevoli” e le linee rette / angoli acuti sono “professionali”. Quindi un carattere con molte curve, come il corsivo, attirerà una clientela più casual rispetto a un carattere rigoroso e di classe.

Packaging del cibo o bevande

packaging design trend

Il packaging per alimenti e bevande è un universo vasto e un elemento chiave del marchio alimentare. La prima esperienza del tuo prodotto da parte dei tuoi clienti avviene con i loro occhi, non con le loro papille gustative, quindi il modo in cominichi è molto importante. Il packaging aiuta anche a distinguere il tuo prodotto dalle innumerevoli altre opzioni che affollano gli scaffali (o le pagine web di alimentari online) in questi giorni. Gli alimenti confezionati sono un’industria da 800 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti. È tanta pasta, snack bar e yogurt!

Quando si considera il packaging per il cibo, la bevanda o lo spuntino, l’aspetto è decisamente importante, ma le apparenze non hanno senso se la confezione non fa il suo lavoro. Prima di intraprendere un viaggio nella progettazione di packaging, chiedi a te stesso e al tuo designer alcune domande chiave:

Qual è il mio prodotto?

Quali sono i materiali e le dimensioni? È un unico prodotto o ci sono (o ci saranno in futuro) diversi gusti o formati? Un po ‘di lungimiranza sul front-end ti aiuterà a evitare problemi man mano che il tuo marchio si evolve.

Chi è il mio cliente?

Vendo a persone, bambini o turisti attenti all’ambiente? I miei clienti avranno un reddito spendibile o hanno un budget limitato? È essenziale capire chi acquisterà i tuoi prodotti e marchiare il tuo prodotto alimentare di conseguenza.

A cosa serve l’imballaggio?

Deve mantenere il cibo morbido o croccante? Deve resistere alla refrigerazione? Il confezionamento degli alimenti comporta molte responsabilità: negli Stati Uniti deve anche seguire i requisiti della FDA per l’elenco trasparente degli ingredienti e dei nutrienti.

Dove vedranno il pacchetto i consumatori?

(Verrà venduto esclusivamente online? In piccoli negozi di alimentari speciali? O in negozi di grandi firme come Target o Walmart?) Il modo in cui i consumatori vedono il tuo prodotto influenza anche la confezione.

Quando progetti il ​​tuo packaging, tieni presenti dettagli come il posizionamento del logo, i materiali, i colori, i caratteri e le forme

Il marchio nei punti vendita

corporate bar e pub

È chiaro che lo shopping online è il presente. È così deliziosamente conveniente. Ma la facilità dello shopping con un clic non può togliere il fascino di un acquisto fisico. Se stai pensando di aprire un punto vendita di cibo o bevande, hai alcune cose che funzionano a tuo favore.

Il primo e il vantaggio di un’esperienza in negozio: c’è il vantaggio di interfacciarsi con un addetto al dettaglio esperto (non puoi ottenerlo su Amazon). Visitare un negozio fisico ti consente anche di vedere, tenere ed eventualmente provare un prodotto prima di impegnarti ad acquistarlo e un acquisto in negozio colpisce anche tutte le note di gratificazione immediata, permettendoti di uscire dal negozio con l’articolo in mano con zero spese di spedizione.

L’esperienza in un negozio fisico

Per quanto riguarda il branding dell’esperienza in negozio, il tuo negozio fisico dovrebbe riecheggiare gli elementi di branding che hai già stabilito attraverso il tuo logo e le tue scelte di colore e carattere, nonché l’estetica e il tono complessivi espressi nel tuo social media marketing. I sensi dei tuoi clienti saranno attivati ​​dal momento in cui varcheranno la soglia. La disposizione dello spazio, il posizionamento del logo e le divise del personale (o la mancanza di divisa) si uniscono per creare un senso coerente del tuo marchio.

Food marketing sui social media

grafica per integratori alimentari

I marchi alimentari possono essere pubblicati con successo su qualsiasi social media (anche i professionisti di LinkedIn sarebbero interessati a una ricetta che fa risparmiare tempo). Ma i canali migliori per il branding alimentare sono in genere quelli che ruotano attorno alle immagini perché sono un focolaio di foto di cibo. Instagram, Pinterest e Snapchat, con la loro enfasi su immagini e video, sono la soluzione migliore per la maggior parte delle strategie di branding alimentare. Se realizzi un video di branding, puoi anche utilizzare anche YouTube, oltre a collegare il tuo video YouTube su tutti i tuoi canali di social media.

Quando si lancia una campagna sui social media, attenersi alle linee guida per il branding che hai già stabilito e segui queste linee guida semplici ma efficaci:

Raccontare una storia

Le immagini casuali di prodotti alimentari vanno bene, ma avranno un impatto maggiore se raccontano una storia veloce, fanno parte di una storia più grande su di te o sul tuo marchio o sono collegate a una storia o un’idea a cui tutti possono relazionarsi.

Investi nella grafica

È tutta una questione di immagini. Le immagini scadenti non volano sui social media e i post senza immagini ricevono molta meno azione rispetto a quelli con foto sorprendenti. Pensa alle immagini sfocate o amatoriali che a volte vedi mentre scorri Instagram. Ti ispirano a fermarti e scavare più a fondo nel post? No. È qui che entra in gioco il concetto di “hai solo una possibilità per fare una prima impressione“. Prenditi il ​​tempo per imparare a catturare scatti di qualità del tuo prodotto alimentare. Ciò richiede l’apprendimento delle fotocamere, illuminazione, impostazione della ripresa e narrazione visiva. Per garantire scatti di qualità, molti marchi assumono un professionista / fotografo di cibo per scattare i loro scatti sui social media.

Branding per l’industria alimentare: un mercato fruttuoso!

A volte non conosci le strategie del marchio alimentare perfette per te finché non le vedi con i tuoi occhi. Se stai cercando l’ispirazione per il logo, dai un’occhiata ad alcuni dei nostri lavori.

Oppure, se sai già cosa vuoi e sei pronto per iniziare a creare il tuo logo alimentare, il packaging o il sito Web, fai clic qui per chiederci maggiori informazioni: sapremo trovare le giuste soluzioni per la comunicazione e il packaging del tuo prodotto.

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?