Cos’è il formato TIFF e quali sono i suoi vantaggi?

I vantaggi del formato TIFF

I file TIFF hanno perso qualcosa di “cool” , almeno per quanto riguarda strettamente le fotocamere digitali. Circa cinque anni fa, una buona parte delle reflex lo utilizzava per memorizzare le istantanee scattate durante i nostri viaggi o lavori; tuttavia, praticamente nessuno attualmente lo utilizza a favore del formato JPEG .

I file TIFF (Tagged Image File Format) sono stati ideati a metà degli anni ’80 dalla società Aldus per l’archiviazione di immagini ad alta risoluzione utilizzando tag (ora di proprietà di Adobe, fusa con Aldus nel 1994). Possono essere monocromatici, in scala di grigi o a colori , utilizzando in quest’ultimo caso varie profondità (8, 24, 32 bit, ecc.). Possono anche essere compressi utilizzando diversi algoritmi diversi senza perdere qualità e sono compatibili con vari spazi colore (Lab, CMYK, RGB, ecc.).

Quando si salva un file, ci si può chiedere quale sarebbe il formato migliore per conservarlo. Un’opzione che a volte passa inosservata è il formato TIFF, formato progettato per memorizzare immagini ad alta risoluzione.

I vantaggi del formato TIFF

Vantaggi del formato TIFF

Uno dei vantaggi fondamentali di questo formato è che non ha perdita di dati. In altre parole, il documento può essere aperto e chiuso tutte le volte che si vuole e rimarrà completamente inalterato. Inoltre, può essere compresso utilizzando diversi algoritmi senza perdere qualità.

Un altro vantaggio di questo formato è la sua implementazione. I file TIFF possono essere manipolati praticamente da qualsiasi programma di foto-ritocco. Attualmente possono essere archiviati anche con i livelli, evitando di conseguenza il formato PSD, ad esempio.

Compatibilità

Uno dei maggiori vantaggi dei file TIFF è che possono essere modificati con la maggior parte dei programmi di modifica di immagini sul mercato. Tutti i sistemi operativi più diffusi hanno visualizzatori TIFF incorporati. Per questo motivo, le persone possono inviare file TIFF senza doversi preoccupare che il destinatario possa vederli o meno.

I vantaggi del formato TIFF

Formati TIFF e PSD

Una delle caratteristiche dei formati TIFF e PSD è che entrambi ti consentono di salvare i tuoi file senza che perdano qualità. In effetti, sono gli unici (insieme a PSB, la versione PSD per file di grandi dimensioni) che ti permetteranno di archiviare le tue immagini preservando i livelli di Photoshop , in modo che se hai bisogno di ritoccare qualche aspetto della tua immagine puoi aprire il tuo progetto nel punto in cui l’hai lasciato.

Tra i vantaggi del salvataggio dei file in formato TIFF é che c’è un’ampia gamma di possibili impostazioni di archiviazione. Pertanto, puoi scegliere tra diversi spazi colore come Lab, CMYK o RGB tra gli altri; così come le diverse profondità in base alla quantità di bit necessaria (8 bit, 24 bit, 32 bit, ecc.). Un altro dei suoi vantaggi è la capacità di comprimere le informazioni senza perderle. Questo ti offre la possibilità di riaprire il file e continuare a modificarlo ogni volta che ne hai bisogno senza perderne la qualità. Il grande svantaggio di TIFF è che, memorizzando una grande quantità di informazioni, il file risultante sarà molto pesante.

Il formato PSD offre una qualità molto simile e quasi le stesse caratteristiche del formato TIFF; inoltre, il file ha una compressione maggiore e il suo peso sarà inferiore. Tuttavia, il grande svantaggio di questo è che, essendo nativo di Adobe Photoshop, può essere manipolato solo da questo programma e visualizzato con software della famiglia Adobe, quindi se stai pensando a un formato che ti permetta di memorizzare le tue immagini per il futuro, è necessario tenere conto di questo fattore.

I vantaggi del formato TIFF

Svantaggi del formato TIFF

Poiché la compressione non viene utilizzata per impostazione predefinita nei file TIFF, il suo peso è generalmente piuttosto elevato. Le immagini TIFF non compresse possono occupare molto più spazio rispetto a quelle JPEG. Ciò significa che le fotocamere digitali non saranno in grado di salvare tante foto nel formato TIFF originale. Inoltre ciò causa problemi durante l’invio di file TIFF tramite posta elettronica, poiché in molti casi la dimensione del documento allegato è troppo pesante.

Confronto con altri formati

Rispetto ad altri formati di file immagine, i TIFF non sono comunemente usati a causa del loro peso. Nella maggior parte dei casi, i TIFF vengono utilizzati prima del salvataggio finale, in cui viene utilizzato il formato JPEG che riduce notevolmente il peso del file. La qualità dell’immagine tra JPEG e TIFF in generale è trascurabile nella maggior parte dei casi.

Attualmente in che situazione è il formato TIFF?

L’ultima revisione di questo formato è la numero 6, avvenuta nel 1992. Ci sono anche alcune estensioni, con le annotazioni usate da Microsoft Imaging, ma nessuna può essere considerata standard.

Nonostante tutti i suoi vantaggi, attualmente esistono molti formati di immagine con caratteristiche più attraenti del TIFF. Nessuno dubita che un JPEG possa offrire un risultato molto simile a quello di un file compresso senza perdere qualità, ovvero offrendo un peso decisamente inferiore.

Indipendentemente da ciò, la tecnologia un tempo ingegnosa di Aldus è ormai obsoleta. Al momento abbiamo a nostra disposizione altri formati di immagine con caratteristiche più attraenti del formato TIFF. I file archiviati in quest’ultimo standard sono pesanti , soprattutto se contengono più livelli e la loro compressione non è molto efficiente. Esistono opzioni, come PSD , ad esempio, che offrono una qualità equivalente e una compressione migliore rispetto a TIFF.

Inoltre, le tecniche di compressione attualmente applicate ai file JPEG sono state notevolmente perfezionate. Infatti, un JPEG può offrire una finitura vicina a quella di un file compresso senza perdita di qualità , ma offrendo un “peso” molto inferiore . Tuttavia, se salviamo lo stesso file molte volte, la perdita di qualità sarà sempre più evidente.

Conclusioni

L’evoluzione della tecnologia può portarci a interrogarci sull’utilità di questo formato: TIFF è un formato obsoleto? Ha ancora una funzionalità per le professioni di creatività? È chiaro che il suo utilizzo è diminuito, ma i vantaggi che lo caratterizzano ne fanno un formato da tenere in considerazione.

Insomma, prima di scegliere il formato con cui memorizzare un’immagine, è necessario tenere conto di tre variabili: compatibilità, compressione e peso del file , ma soprattutto decidere se sarà necessario o meno modificare la fotografia che andrà salvata più tardi.

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?