Font e dislessia: qual’è il miglior font per i dislessici?

font e dislessia

La dislessia è una disabilità linguistica basata sull’apprendimento che può colpire quasi 1 miliardo di persone in tutto il mondo. Più e più volte, i deficit visivi osservati nelle persone con dislessia hanno dimostrato di essere un effetto collaterale piuttosto che una causa di questa disabilità. E mentre è stata condotta un’enorme quantità di ricerche su come trattarla, c’è un piccolo dettaglio che a volte viene trascurato. Poiché la dislessia colpisce principalmente la capacità di una persona di leggere e scrivere, in che modo la scelta del carattere influisce sulla leggibilità di un documento?

Font e dislessia, un passo indietro: cosa si prova?

Prima di approfondire, se non hai la dislessia potresti non capire quanto possa essere difficile questa disabilità. Se vuoi dare un’occhiata a com’è vivere con questa disabilità, prova a leggere questo font (foto sopra). Solo comprendendo questa disabilità possiamo prendere le misure appropriate per trattarla.

Qual è il miglior font per la dislessia?

Ma qual è il miglior font per le persone con dislessia? La risposta potrebbe sorprenderti. A quanto pare, il miglior font per le persone con difficoltà di apprendimento è quello che meno ti aspetti. 

comic sans

Il mito del Comic Sans sulla dislessia

Forse nessun carattere tipografico nella storia ha subito più attacchi del Comic Sans. E mentre Comic Sans è spesso oggetto di derisione, molte persone con dislessia lo vedono come un’oasi. Ciò che potrebbe sorprenderti è che nessuno studio scientifico ha mostrato un miglioramento significativo della leggibilità dall’uso di Comic Sans.

Ora, questo significa che Comic Sans è un buon font per le persone con dislessia? Assolutamente no. Le persone spesso citano le forme distintive dei glifi in Comic Sans come motivo della sua migliore leggibilità. Nello specifico, quasi tutte le lettere di questo carattere tipografico sono uniche: solo la “b” e la “d” sono speculari. Questo alto livello di irregolarità potrebbe essere ciò che rende più facile per le persone concentrarsi sulle singole parti delle parole.

Ma questa è solo una parte di un discorso più ampio. Quando Vincent Connare decise di creare un nuovo carattere tipografico per Microsoft nel 1994, non stava cercando di progettare un font che la gente avrebbe odiato. In effetti, non stava affatto cercando di creare un nuovo carattere tipografico:

“Comic Sans NON è stato progettato come carattere tipografico ma come soluzione a un problema di una parte spesso trascurata dell’interfaccia di un programma per computer, ovvero il carattere utilizzato per comunicare un messaggio.

Non c’era alcuna intenzione di includere il font in altre applicazioni diverse da quelle progettate per i bambini quando ho progettato Comic Sans. L’ispirazione è arrivata dallo shock di vedere il Times New Roman usato in modo inappropriato”. – Vincent Connare, creatore di Comic Sans.

Come è nato il Comic Sans

Connare ha originariamente progettato Comic Sans per Microsoft Bob, una sorta di precursore del famigerato Clippy. Microsoft Bob è stato progettato per mostrare agli utenti come far funzionare Windows 95 attraverso l’uso di un cane cartone animato il cui discorso sarebbe stato scritto in Comic Sans. Il carattere tipografico non è entrato in Microsoft Bob, ma alla fine è stato incluso come font di sistema Microsoft, garantendone la disponibilità diffusa per i decenni (o millenni?!?) a venire.

Caratteri irregolari e di facile accesso hanno reso Comic Sans popolare tra alcune persone con dislessia. Ma dal momento che Comic Sans non è stato progettato come carattere tipografico, tanto meno come carattere tipografico per le persone con questa disabilità, potrebbe realmente vere margini di miglioramento.

Se Connare si è avvicinato senza nemmeno volerlo fare, può un altro type-designer creare un font ancora migliore?

font e dislessia

Quali caratteri sono migliori per le persone con disabilità di apprendimento?

Diversi designer di font hanno raccolto questa sfida, con i seguenti risultati:

  • Read Regular impiega caratteri snelli e unici senza alcun abbellimento.
  • Dyslexie è stato progettato per ridurre le possibilità che le persone con dislessia invertono inavvertitamente le lettere, un sintomo comune di questa disabilità. I glifi in Dyslexie sono più fortemente ancorati alla linea di base rispetto a molti altri caratteri.
  • OpenDyslexic adotta lo stesso approccio di Dyslexie ma va anche oltre.
  • Sylexiad prende una prospettiva diversa, tentando di imitare il testo scritto a mano.

A differenza di Comic Sans, i creatori di tutti questi caratteri tipografici hanno deciso di progettare caratteri che sarebbero stati utili per le persone con dislessia. Il rovescio della medaglia è che nessuno di questi caratteri è così ampiamente disponibile come Comic Sans. La creazione di Connare ha cavalcato l’onda del desktop publishing, mentre tutti questi altri caratteri sono molto più sconosciuti. E sfortunatamente, nessuno di questi caratteri ha dimostrato scientificamente di migliorare la leggibilità.

helvetica1957

Questi altri caratteri sono ottime opzioni per le persone con dislessia

Comic Sans è ampiamente disponibile e ha già molti fan tra le persone con dislessia. Ma cosa succede se non vuoi usare Comic Sans? Quali sono i caratteri che non solo hanno un bell’aspetto, ma hanno anche dimostrato scientificamente di migliorare la leggibilità?

Non si deve guardare troppo lontano.

I migliori caratteri per le persone con difficoltà di apprendimento sono probabilmente già sul tuo PC in questo momento. Sono ampiamente disponibili nelle applicazioni Windows, macOS e Adobe Creative Cloud.

I caratteri sono Helvetica, Courier, Arial e Verdana.

In uno studio classico su quali caratteri sono più facili da leggere per le persone che soffrono di dislessia, i ricercatori hanno scoperto che questi font hanno migliorato significativamente la leggibilità.

In questo studio, Helvetica, Courier, Arial e Verdana hanno ottenuto i primi risultati sia in termini di prestazioni di lettura che di preferenza soggettiva. Un altro aspetto chiave di questo studio è che il corsivo di qualsiasi carattere ne riduce notevolmente la leggibilità (quindi consideralo prima di progettare il rapporto trimestrale della tua azienda con un Times New Roman corsivo a 9 pt…)

font e dislessia

Come si sceglie il carattere giusto?

Un font può trasmettere la voce di un marchio nella presenza del suo design (cioè: audace e forte, sottile e fluido) e può anche dare il tono a ogni interazione con il pubblico. Quindi, quando progetti materiali di marketing per la tua azienda o sviluppi nuove campagne per i tuoi clienti, scegli un carattere facile da leggere sia con caratteri grandi che piccoli. Il carattere tipografico non dovrebbe mai sopraffare il messaggio.

Durante la ricerca del tipo di carattere da utilizzare per il tuo prossimo progetto, considera i caratteri adatti alla dislessia come quelli di cui abbiamo discusso. Sebbene sia stato scientificamente dimostrato che Helvetica, Courier, Arial e Verdana migliorano la leggibilità tra le persone con dislessia, ci sono molte opzioni in questa categoria. Cerca i caratteri sans-serif in Roman Style, quindi controlla se sono disponibili nelle versioni a spaziatura fissa.

E il Comic Sans?

Infine, non essere troppo duro con Comic Sans. Ciò che a prima vista potrebbe sembrare infantile o informale potrebbe in realtà essere l’unica opzione per qualcun altro per leggere bene. Se qualcuno vuole usare Comic Sans e non è in conflitto con le esigenze del business, lascialo fare. Potrebbe essere un problema molto più grande per loro di quanto lo sia per te.

Nelle tue future ricerche di font, ricorda che non c’è alcuna garanzia che ogni carattere con lo stesso nome verrà stampato o visualizzato allo stesso modo

Fonte Articolo: https://www.extensis.com/blog/whats-the-best-font-for-people-with-dyslexia

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?