Asterix e…Uderzo

Uderzo asterix

L’illustratore e co-creatore di Asterix Albert Uderzo è morto all’età di 92 anni.

L’artista di fumetti che ha iniziato la serie nel 1959 con lo scrittore René Goscinny ha influenzato innumerevoli illustratori da allora.

Albert Uderzo, co-creatore e illustratore della serie di fumetti di Asterix, è morto all’età di 92 anni. I suoi libri hanno venduto circa 370 milioni di copie in tutto il mondo da quando sono iniziati nel 1959, quando a Uderzo e allo scrittore René Goscinny (morto nel 1977) è stato assegnato il compito di creando un fumetto per Pilote, una nuova rivista per bambini. Nel 2008 disse all’editore francese The Connexion che il brief originale del co-fondatore della rivista François Clauteaux era quello di creare un personaggio della cultura francese e, soprattutto, distinguersi da concorrenti come i fumetti di supereroi americani e Tintin di Hergé.

Il personaggio di Asterix

asterix e obelix

Decidendo che il loro personaggio sarebbe stato un gallo, Uderzo inizialmente disegnò un grande guerriero, ma disse che Goscinny stava immaginando

“un ometto, non necessariamente di bell’aspetto, ma astuto“,

ha detto a The Connexion.

“Quello che potresti chiamare un antieroe. Quindi, ho trovato un omino con i baffi e il naso grosso! Mi è sempre piaciuto disegnare grandi nasi perché mi fanno ridere. È così che è nato Asterix. ”

Il risultato fu Asterix, un guerriero impertinente nell’antica Gallia occupata dai romani nel 50 d.C., che insieme al suo fortissimo aiutante Obelix trascorre il suo tempo combattendo i romani dall’invasione del loro villaggio.

Le storie sono state prima pubblicate in serie sulla rivista Pilote e poi pubblicate ogni anno come libro, diventando rapidamente molto popolare in Francia e poi a livello internazionale. Nel 1967, il nono volume vendette 1,2 milioni di copie in due giorni. Quindi nel 2011, dopo 52 anni di disegno del fumetto, Uderzo si ritirò e i libri continuarono con un nuovo illustratore, Didier Conrad, e lo scrittore Jean-Yves Ferri.

Uderzo è uscito di nuovo nel 2015 per rendere omaggio alle vittime dell’attacco di Charlie Hebdo con due nuovi cartoni animati, uno che mostra Asterix che colpisce un assalitore in aria e che grida “Moi aussi je suis un Charlie” e un altro che mostra Asterix e Obelix che si inchinano.

Asterix e Obelix, non solo fumetto

Da allora i libri hanno ispirato dozzine di film, giochi e un parco a tema Asterix, per non parlare delle generazioni di illustratori, artisti di fumetti, designer ed editori. Kev F Sutherland, un artista di fumetti e collaboratore di Beano, ha dichiarato in un’intervista su It’s Nice That nel 2012 dei libri di Asterix: “La loro satira, i loro tempi comici, le loro caratterizzazioni e la loro impeccabile abilità di drappeggio sono buone ora come quando sono apparse.” I creatori del Migrant Journal hanno scelto Astérix in Corsica per la sua funzione Bookshelf, affermando che era

“probabilmente il fumetto più divertente di sempre”.

Uderzo e il mito di Asterix

Una dichiarazione sul sito web di Asterix dice: “Per oltre 60 anni, Asterix ha suscitato in milioni di lettori in tutto il mondo, pagina dopo pagina, e con ogni rilettura, un piacere e una gioia profonda. E’ diventato un vero mito, la piccola Gallia fa oggi parte del patrimonio letterario e artistico universale e continuerà a lungo a portare i suoi valori di tolleranza e resistenza nelle sue avventure. Al di là dell’immenso artista che era, perdiamo un uomo eccezionale, che tutti coloro che hanno avuto la possibilità di incontrare hanno amato ”.

Fonte articolo: Its Nice That

Vuoi ricevere le nostre ultime notizie?